Read e-book Sindaci in bianco-nero. Appunti di un cronista (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Sindaci in bianco-nero. Appunti di un cronista (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Sindaci in bianco-nero. Appunti di un cronista (Italian Edition) book. Happy reading Sindaci in bianco-nero. Appunti di un cronista (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Sindaci in bianco-nero. Appunti di un cronista (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Sindaci in bianco-nero. Appunti di un cronista (Italian Edition) Pocket Guide.

Published by Nova Charta About this Item: Nova Charta, Condition: nuovo. Rivista bimestrale, ill. Seller Inventory More information about this seller Contact this seller 2. Condition: condizioni discrete. More information about this seller Contact this seller 3. Prima edizione Collana "Futuro Saggi". Leggere usure marginali alla brossura. Testo in ottime condizioni. More information about this seller Contact this seller 4. Condition: ottimo. Dust Jacket Condition: quasi ottimo. Formato in. Collana 'Saggi'. Traduzione di Francesco Saba Sardi. Illustrazioni in nero fuori testo.

Lievi segni alla sovraccoperta. Ottimo stato. Seller Inventory TM. More information about this seller Contact this seller 5. Published by Curcio, Roma About this Item: Curcio, Roma, Condition: quasi ottimo. Romanzo incentrato sulla vita e sulla persona di Marilyn Monroe,ripercorrendo la vita e le sensazioni di essa,narrate dalla star in persona.

More information about this seller Contact this seller 6. Published by Uitgeverij De Arbeiderspers, Amsterdam Condition: Net exemplaar. Omslag en tekeningen: Peter van Straaten. In dit boekje schrijft Annemarie Oster brieven naar vrienden en bekenden die er niet meer zijn. Eijkelboom, Chopin, Hans Lodeizen, A.

La memoria del mondo alla biblioteca Malatestiana di Cesena

Size: kl8vo. More information about this seller Contact this seller 7. Published by Rizzoli, Italia About this Item: Rizzoli, Italia, In questo volume l'Autore presenta gli amori insoliti, travolgenti famosi, felici e non, come quelli di Marilyn Monroe, Benito Mussolini, Mastroianni ecc. Dedica alla pagina del titolo, peraltro perfetto esemplare, solo minimi edusuali segni del tempo alla sovrascoperta.

More information about this seller Contact this seller 8. Published by Lindau, Torino From: Studio Bibliografico di M. Treviso, TV, Italy. About this Item: Lindau, Torino, Condition: in ottime condizioni. Collana: Cult, luglio Brossura con bandelle. Spedizioni tracciabili con raccomandata entro 24 ore dall'ordine. First edition. Soft cover in fine conditions, no inscriptions or markings inside. Worldwide delivery. More information about this seller Contact this seller 9.

Published by Edizioni White Star, Vercelli Libro fotografico. Nome di appartenenza nel frontespizio. Soft cover in fine conditions. More information about this seller Contact this seller Published by Feltrinelli, Milano About this Item: Feltrinelli, Milano, Scritta a penna nella seconda pagina.

Soft cover in good conditions. From: paolo tonnarelli Milano, MI, Italy. In ottime condizioni. Ulteriori dettagli e immagini a richiesta. Published by Edizioni White Star About this Item: Edizioni White Star, Condition: Ottime. Dust Jacket Condition: Ottime. Copertina in brossura editoriale, in cartoncino plastificato, illustrata, alette informative. Sovraccoperta in cartoncino plastificato, illustrato, alette informative. Formato 30x25,5. Dust Jacket Condition: ottimo. Ma le speranze e gli entusiasmi hanno breve durata: Adriana e Zeo, ciascuno a suo modo, tradiscono Sebastian.

Seller Inventory ABE Saggi trad. In these gems of reportage Truman Capote takes true stories and real people and renders them with the stylistic brio we expect from great fiction. Here we encounter an exquisitely preserved Creole aristocrat sipping absinthe in her Martinique salon; an enigmatic killer who sends his victims announcements of their forthcoming demise; and a proper Connecticut householder with a ruinous obsession for a twelve-year-old he has never met.

And we meet Capote himself, who, whether he is smoking with his cleaning lady or trading sexual gossip with Marilyn Monroe, remains one of the most elegant, malicious, yet compassionate writers to train his eye on the social fauna of his time. Cloth with dustjacket.

Condition: Good copy. Designed by Martha Farlow. Looks at how specific biographers have handled their subjects and discusses how the art of biography has changed. Contents: I. Carlyle and his great men. Sigmund Freud and his disciples. American biography. With notes, readings and index. Edward Reed Whittemore, Jr. Size: 23,5cmx16cm. Dust Jacket Condition: nuovo. Secondo volume di questo classico di Luciano Sterpellone sulle biografie di personaggi famosi attraverso le loro malattie.

Published by Bompiani, Milano About this Item: Bompiani, Milano, Negli ultimi anni disegnavo solo paesaggi, natura. Era un lavoro domestico, potevo interrompere e riprendere. Rispondeva anche a dinamiche familiari. Mentre la pittura richiede un tempo monastico. Poi ho ripreso a interrogarmi sui volti. Solo l'arte contemporanea ci sembrava poco. Ci sono ad esempio disegni dei bambini, in collaborazione con Pinac, l'unica pinacoteca italiana e un modello d'eccellenza a livello internazionale, del disegno infantile. Ci sono i collezionisti privati dell'area lughese, una quadreria come una sorta di flusso Difficile numerare ed elencare tutti gli artisti coinvolti e i rivoli selvatici.

E' possibile che il pensiero prenda forma in immagini? Quando ho cominciato a fotografare ho capito subito che non era solo documentazione, ma uno strumento con cui potevo inventare dei mondi. Se tratto ad esempio il paesaggio, faccio miei alcuni concetti filosofici che affrontano questo tema e poi cerco di tradurli in immagini. Magari non letteralmente. Ma quel tipo di ricerca nasce per aver letto Foucault o Perec. Non uso la fotografia per documentare, ma la uso per raccontare un'idea.

Ho cominciato a studiare, vedere, curiosare da sola. E partecipando a dei concorsi. E quindi per anni sono andata avanti vincendo concorsi Potevano essere sostegno economico o mostre. Un artista deve poter lavorare, esporre, produrre. Nella mostra di Rimini ho esposto la tappa Emilia Romagna. Per cui il lavoro sui paesi, i luoghi abbandonati nella nostra Regione. Oppure paesi abbandonati come Formignano sopra Cesena.

Antonio sopra Modena. Discoteche del riminese lasciate alla natura Li ho scelti anche in base alla loro estetica. Ovviamente il collegamento era dato un filo come S. A cura di Claudia Collina e Massimo Pulini. Inaugurazione 6 settembre ore E spesso immagine e parola coesistevano ed era naturale districarsi in un flusso sequenziale di immagini che snocciolavano le fasi salienti di una storia.

Di quest'ultimo tema ha scritto anche Umberto Eco negli anni Ottanta, sistematizzando il tema del sogno del Medioevo. Essendo pura rappresentazione, cuore e origine dei nostri mali, non lo si ammira, dice il professore bolognese, lo si abita. Questa mappatura diviene linea e segno, costruzione sequenziale e logica, geografia dell'immaginario realizzata in una storia a fumetti.

Si tratta quindi di una rifondazione dell'immaginario che utilizza lo stesso scalpellino e lo stesso alfabeto medievale, mutando codice e funzione. Tale spostamento di significato dall'analisi alla ricreazione di senso diventa particolarmente evidente se si prova, come nel caso della mostra alla Classense di Ravenna, a raccontare o evocare gli Ottoni: Adelaide, Teofano, Gerbert ovvero papa Silvestro II.

Le vite di Adelaide e Teofano, per esempio, mettono in crisi le figure stereotipate delle donne medioevali. Sono donne che con il potere stringono patti, che il potere lo esercitano e lo diffondono. Papa Silvestro II ha una forte carica simbolica: il suo essere il pontefice che attraversa il pericoloso anno , con un nome altrettanto evocativo che lo lega alla memoria di Costantino, ormai divenuto nella vulgata il cristianizzatore, costituisce un tassello anch'esso dissonante dall'elenco dei papi tenebrosi.

Sulla voce in prima persona, sul segno autoriale di disegnatori che non nascondono la loro attitudine artistica e quindi interpretativa. La storia diviene la loro, e ci viene restituita in un formato accogliente, un guscio che racconta di noi. Siamo diventati troppo consapevoli di noi stessi. Edulcorati e corretti da una scroll page di faccialibro. Il suo rimando, il suo specchio deformato.

Subscribe to our Mailing Lists:

Veramente la pittura digitale anche del ritratto? Il corpo dunque in uno spazio che lo agita e lo rende perturbante. Tra una improbabile conoscenza deduttiva e paradigmatica, per usare la terminologia di Jerome Bruner, e quella narrativa, Sughi ha scelto la seconda. Ma la numerazione volontaria dei quadri costituisce una sequenza ordinata di un corpus di fenomeni che assumono una facies narrativa. Ad ogni istante corrisponde un preciso indizio.

We became too self-aware, nature created an aspect of nature separate from itself, we are creatures that should not exist by natural law. Season 1, Episode 1. Crossing the line between what appears and what is — this is one of the most burning narrative nubs of the multi-award-winning True Detective , the most highly acclaimed TV series of recent years. It elicits a curious reaction from a public that appears to cultivate self-referential certainties and that is accustomed to prejudice, never having been taught to experiment or to seek out sources.

And yet a public that has been powerfully attracted to this blend of artistic photography, Nietzschean dialogues and sequence shots as long as those of Soviet times. Here too, in this contradictory cycle, we find the burden of our inability to accept the contemporary.

We live in the information age, stunned and misinformed. Sweetened and spiked by a facebook scroll page. Pizzolatto, the writer who created the HBO series, looked out over the landscape of Louisiana, the frontier land which is also his own and where time really does appear in different dimensions, and decided to turn it into a narrative metaphor.

It is not so much a background, where complex events are played. It is its constant allusion, its misshapen mirror. A place that contradicts the obviousness of the reality portrayed by background chatter. Nerosunero aka Mario Sughi does not live in Louisiana, but he appears to emerge from the same need to remove the veil from the Maja of the landscape and of the setting. Starting with his technique, which, without leave of appeal, banishes the material potential of the graven original.

If reality is representation and a dream-world musing presence, the sacredness of the fetish has no reason to exist outside of its own intangible sense. Digital painting from portraits? Deforming details a lamppost standing on a zebra crossing, shadows that defy the laws of physics, legless benches suspended in the air , these are the paradoxes of a context in which the body sees itself from outside of itself. It is just one thing among many, the only suspended object of a vague intellect, an entity made of pixels smiling at Schopenhauer, confirming his presence in a post-cybernetic world.

The body, therefore, caught in a space that agitates it and makes it disconcerting. We can all train our retina to recognise an apparently consolatory world of the imagination in what we contemplate. A kind of synaesthesia takes us back to the rancid smell shared in places devoid of relationships, other than with corroded objects, in an elsewhere that nobody really knows how to reach. In a choice between narrative knowledge and some improbable deductive, paradigmatic form of understanding, as Jerome Bruner would put it, Sughi chooses the former. In structuring concentrated sequences that focus on a single concentrated experience, the proto-hermetic mechanism that inevitably binds title to work an authentic negation of the omnivorous Untitled is undoubtedly one of these techniques, as we see, for example, in Ahhhhhhhh!

The facts in this order show that there is no order and coincidence in the chaos of the world. For this is narrative. Painting does not contemplate this, and that is one thing. But the intentional numbering of the paintings gives an ordered sequence to a corpus of phenomena that acquire a narrative aspect.

The true detective can but train the retina and give paradox back its name, for it is the fastest tortoise. To each instant corresponds a precise clue. Da Ravenna al mondo e ritorno, cura l'unica galleria di fotografia della provincia e una delle poche in Regione. Lei mi ha molto capita, ispirata e appassionata alla conoscenza. E poi partisti Primo lavoro in pizzeria: proprietario israeliano, pizzaiolo marocchino, cameriera canadese, lavapiatti egiziano Andai tramite un amico, convinto che fossi sprecata come cameriera, all'agenzia Abc press, fondata negli anni Cinquanta da un giornalista ungherese amico di Robert Capa All'inizio feci lavoro di archivio, poi mi iscrissi a una scuola di fotografia.

Com'era lavorare in una piccola e prestigiosa agenzia? Ovviamente Milano Hai investito sul tuo sguardo E mi presero a lavorare come tuttofare, gratis naturellement, ma fu strepitoso esplorarne gli archivi, conoscere personalmente Cartier Bresson e non solo. Guadagnavo molto bene, ero immersa nelle fotografie, ma soprattutto potevo salvaguardare il mio modo di vedere. Ero riuscita a raggiungere un'aura che mi permetteva di non cedere alle richieste, a volte frenanti, delle riviste. A Ravenna ho sperimentato un altro modo di affrontare la Fotografia, in Accademia. Mantengo questo spazio da sola, per avere un polmone in cui poter fare e far vedere quello che so e che mi piace.

Un lavoro che mi ha molto appassionato. Tra archivio, visivo, documentazione, poetica come la mettiamo con la fotografia? Oggi gli archivi si volatilizzano, ma tutti lavorano sugli archivi, sulla mappatura. Vorrei che chi ne ha voglia attingesse al proprio archivio personale. Dal 20 al 22 giugno , a Ravenna, Associazione Culturale Mirada organizza, in collaborazione con Associazione Cantieri , un workshop condotto dal coreografo Marcos Morau, grazie al sostegno della Regione Emilia Romagna.

A tale scopo per la sua compagnia ha creato un team artistico formato da artisti provenienti non solo dal mondo della danza, ma anche dalla cinematografia, dalla fotografia e dalla letteratura. Associazione culturale Mirada, via Mazzini 83, Ravenna Telefono email info mirada. Marco Antonini, un eclettico che ha fatto strada nella Grande Mela. Ha vinto numerosi riconoscimenti tra cui anche il fatto di essere finalista al premio Andy Warhol Foundation Art Writers. Che cosa significa oggi curare una mostra a New York? Come coniughi queste diverse attitudini? Personalmente uso NY come una base strategica.

Io ero artista visivo, sono poeta e scrittore della domenica, gioco ancora con la macchinetta fotografica una vecchia Pentax ME Super , e curo il design e la produzione delle nostre pubblicazioni a NURTUREart spesso anche di quelle prodotte dalle istituzioni con cui lavoro come curatore indipendente. Da Ravenna alla Grande Mela. Cosa ti sei portato dietro e cosa hai dovuto abbandonare? Rileggo degli articoletti che scrivevo appena arrivato a NY e mi suonano disperatamente naif, ma anche onesti.

Dietro mi sono portato, e ancora mi porto, una grande nostalgia per le persone, le cose, le situazioni vissute durante i miei anni in Italia, soprattutto una nostalgia per la gente di Ravenna e per i miei amici che ancora vivono li. Consiglieresti a un giovane artista di prendere l'aereo e attraversare l'Oceano? Spesso incontro persone fantastiche, ma il fatto che le incontri puntualmente a NY o altrove in giro per il mondo parla da se.

CYBERMED EUROPE - Cybermed Junior Health Director

Non mi sento di poter dare consigli, io qui ho fatto tantissimi errori. Torniamo ancora alla formazione. Al tuo periodo universitario a Ravenna: che bilancio fai di questa tua scelta? Se potessi cambiare qualcosa che cosa? Mi viene da ridere al solo ripensarci. Parliamo con lei della sua arte e dell'esposizione ravennate. E del suo corpo appaiono questi capelli alla Tiziano, rossi e impertinenti, per una siciliana come Silvia. Che rapporto hai con la parola scritta e letta?

Marilyn Monroe, First Edition

Sei stata una delle artiste di due mostre collettive Autoritratti. Iscrizioni del femminile nell'arte italiana contemporanea al MAMbo di Bologna. Giovani artiste italiane all'Ex Refettorio del Complesso San Paolo diFerrara entrambe nella nostra Regione ed entrambe centrate sul fare femminile artistico. La tua vocazione femminista, il tuo dialogare con il pensiero di Carla Lonzi ad esempio, e il tuo mettere in discussione il concetto di femminile nell'arte Un paesaggio figurativo rigoroso, sobrio, puntuale e intenso, come lo sguardo di questo artista che ancora ha molti progetti nel cassetto del futuro.

Ci sono pittori che dipingono, ma ci sono molti che trovano forme espressive diverse dalla tradizione di questo linguaggio. Se un giovane ragazzo di buona famiglia comunica alla famiglia che vuole diventare artista, i genitori possono essere quasi contenti. Poi non fui rimproverato, ma mi autocensurai. Ora sto pensando di ripartire con l'esperienza In occasione della mostra di Ravenna ha realizzato anche dei mosaici in collaborazione con giovani artisti musivi di Ravenna.

Diversamente dalla tecnica delle vetrate, nella quale sono entrato completamente, sono diventato esperto, il mosaico ha bisogno per me di un lavoro in tandem. Laureatasi al Dams, non ha mai smesso di osservare, guardare, provare a fermare il tempo e il luogo. Un luogo che ha rappresentato sia in istantanee crudeli e veritiere, che in poetiche interpretazioni come queste della mostra romana, realizzate con la particolare tecnica stenopeica.

Raccontami un po' della tua vita, sei nata a Ravenna e poi? In ogni caso ho sempre mantenuto un legame forte con Ravenna, dove tornavo ogni anno con la famiglia durante le vacanze estive, e dove torno tuttora spesso. Come sei arrivata nella lontana Asia? Sono partita per Hong Kong, con l'idea di fare un viaggio in treno fino a Pechino ed esplorare la scena musicale underground, che allora era molto interessante.

Ho cominciato a fotografare i quartieri popolari di Hong Kong e a lavorare ad alcuni servizi fotogiornalistici sulla Cina Popolare poi venduti alla stampa italiana; tornavo in Cina ogni anno. Sono stata in Giappone nella prima volta nel , venendo da Shanghai. Soprattutto nel mondo dell'arte o dell'informazione? Fotografavo e scrivevo. Sto perdendo graduale interesse nella fotografia editoriale e di informazione pagata cifre ridicole oggi, con poche eccezioni , a favore della ricerca personale, comunque sempre legata al linguaggio della fotografia documentaria.

Hai studiato a Bologna: che cosa ricordi di quella esperienza? Come l'ha i trasferita nella tua esperienza di insegnamento? Non avevo ancora cominciato a fotografare. Domanda di rito Fonti di ispirazione, fotografi che consideri maestri, vicini e lontani. Mi piace moltissimo anche la fotografia giapponese degli anni '60, e tra le nuove generazioni Lieko Shiega. Cosa racconta una fotografia dell'odierno est? In Neon Dreams alla galleria Interzone di Roma esponi sia fotografie che immagini time lapse.

Ci racconti la tecnica che usi e le motivazioni di questa scelta? La tecnica del foro stenopeico, applicata tanto alla pellicola quanto al supporto digitale, si presta perfettamente a questo, come ho scritto nella mia introduzione. Paesaggi distopici, luoghi in cui il qui ed ora scompare Guardavo fuori dalla finestra dell'hotel e vedevo una torre di acciaio spuntare dallo smog, come sospesa nel vuoto, un'immagine bellissima.

It was not an exhibition, not even a project. It was a collective performative event carried out by 99 illustrators. None of them knew what was going to be exhibited, except for their own table. Those who responded to our call knew a few simple things: they would neither have been refunded nor paid. Of course, they had to draw.

Till the last second we did not know if all the respondents would have come, if it would have worked. What would have been the result of it? In this case, let me say, each creation — all 99 listed in here — is a small grain of sand in the eyes of those who do not want to see. They will not blind them; they will not change the mind of those who carelessly look at the increasing social, economic and even cultural gap between social classes. But a grain of sand in the eye is annoying for sure. Many people reacted, also on a local political level. They have been touched personally or institutionally.

This is what they call a guilty conscience. Whether you point the finger and speak up or resist the silence maintained by most of the contemporary artist, you will neither be arrested nor tortured. You will not be the new Ai Wei Wei. Because we are human. But you will not take part to the feasts that count and let you pay the bills. You will receive fewer invitations; you will not be a welcome guest. That gabble can make you lose a mediocre contact. Sometimes it may happen.

It happens. They do not even have a contract. They would not know how to make a living. That gabble, that finger, that being unwelcome do not lead anywhere. It has been a year since then and now I can say it: the edition of Kamikazen has been the best one.

Once at the MAR Museum of Art of Ravenna , they had to install the table on their own following the instruction that you can read at page one. If you want art, buy it. It does not cost that much. The supporters of arts who do not have at least an artwork made by one of their friends are strange people.

They are like the supporters of books who do not have a single book on their shelves, or like those who want to be playgoers without attending a play. Art is trade and none should be scared by that. Drawings can be bought. Well, I am wasting time. I did not analyse, I did not summarize, I did not recall the right names. In fact, I did not want to, because this is a self-explanatory action, it does not need any annotation. You can see it in the video enclosed to the catalogue and recorded because — to be sincere — that is the artwork. Each table is the interpretation of the same leitmotiv.

You think you can make a fool of us, but we can see you. The wave is coming. Precisely there, right in the middle of the empire. If it was in Tunis, Cairo and Beirut, there would have been no problem. Even in Madrid or Athens — at the end of the day they are almost Africans. But they were American citizens in the Big Apple. Your complicity is being bought along with the artwork. For example, consider one of the actions of occupymuseum. The actions of these groups of American artists aim to reveal the horrible work condition of those who are building the new Guggenheim Museum in Abu Dhabi.

We should be concerned about it, because also in Italy those who work to produce and preserve the art world have become occasional workers. Our intent was easier: we wanted to show the unsustainable work conditions of those who work in the fields of culture and art. It is no more about occasional work, but work for free.

Even the Ministry offers free traineeships as if they were real jobs. Even if one makes it for passion, it does not mean that one should not make a living out of it. You can be a doctor, a luthier, a lawyer for passion, but no one can even think of not paying you for your work. The social welfare system and the political mediation that was born from the social conflict in 60ss did not led to equality, but it caused a substantial redistribution of wealth that granted our parents the well-being that has not been recorded in any other age on such a large scale.

Those who should act in our stead to claim more rights, to protect our lives and be our mediator is driving the car to run away, in fact. As a result, we can just move on, take out pens, pencils and microphones, and start again claiming more social equality and more chances for everybody. The thing that surprised me the most was that, at the end, all the artworks were multifaceted, rich, and different.

There was no repetition, no standardized thinking. Nel due qualcuno si fa sempre male. Poggia i piedi tra Torri di Mezzano e il Belgio. Anzi, la deriva identitaria che stiamo vivendo ne richiama fortemente le istanze. Bergson, Materia e memoria. Saggio sulla relazione del corpo allo spirito, in H. Bergson, Opere, , di F. Sossi, a cura di P. Rovatti, A. Mondadori, Milano , pagg. Donne, tecnologie e biopolitiche del corpo, a cura di L.

Borghi, Milano, Feltrinelli Comunque lo induceva ad osservarne i paraggi, a chiedere informazioni ai passanti o a muoversi in direzioni inconsulte, realizzando una deriva inconsapevole. Ma a noi non serviva un canone stilistico per mettere insieme gli artisti. Ci interessava osservare come gli aspetti salienti del nomadismo, il suo essere ibrido e meticcio, mescolatore e impuro, fosse alla base non solo di alcuni lavori, ma delle biografie stesse degli artisti vincitori di questa edizione.

Tra i nomadi tradizionali, i transumanti sono legati alle stagioni e a luoghi tendenzialmente fissi: le greggi, le mandrie e i pastori si muovono dalla montagna alla pianura percorrendo i tratturi e seguendo il ritmo del clima. In questa permanenza di una categoria fisica e terrena del movimento nomadico, si muovono i lavori del fotografo Camorani e Pezzi, del pittore Lanzoni, i trofei inquietanti di Fabiana Guerrini. Nello spazio tramonta e si rinnova il sacro: evidente il tentativo di congiungere gli opposti, renderli visibili, sottoponendo lo sguardo a revisione.

Non difformi dai salti acrobatici dei giovani che fuori dal Mar volteggiano nel parkour. Dimenticano le barriere imposte, i codici preconfezionati e pregiudiziali per aprire nuove strade alla visione e alla geografia del sentimento. L'intervista allo scrittore passato da Feltrinelli di Elettra Stamboulis. Molti hanno interpretato questo tuo ultimo libro come un'indagine sul rapporto tra generazioni, oppure un dono di un figlio al padre simbolico Ecco, io cerco di proporre la letteratura cercando di rendere desiderabile lo sguardo con cui io leggo. Da dove sei partito?


  1. Bacteria in Agrobiology: Crop Productivity.
  2. Popular Posts.
  3. Signed from Wallector;
  4. Around the World in Seven Four November.
  5. ARALDO COSMICO (Italian Edition)?
  6. (Quasi) tutto Max Klinger..
  7. Goldenglow Towers.

Avrei voluto scrivere. Quindi laurea in Lettere, poi esperienze di ricerca, ambito letterature comparate. Ma quel mondo mi stava stretto. Poi mi ha salvato la Cgil Una vertenza sul lavoro Per il quale inseriscono nel carnet gli spettacoli una serie di reading per le camere del lavoro, tra cui anche un mio intervento. Ovviamente quello che costa meno, visto che nessuno mi conosce.

Questo, insieme a un piccolo anticipo che Einaudi mi diede per un libro, mi permisero di smettere di lavorare per vivere e cominciare a vivere per lavorare. Quindi, quale potrebbe essere il tuo consiglio per un giovane che vede dalla finestra del futuro la scrittura come opzione? E il luogo galeotto fu la casa di Valerio Adami Bajani ha vinto una schiera di premi, Bagutta, Super Mondello, Lo Straniero, Recanati, fattori che in alcuni casi potrebbero costruire un ottimo alibi per alzare il sopracciglio e sentenziare con fervore.

Hollywood si interessa al mosaico?


  • Breakthrough Metabolism: Real World Tips and Tools for Fast Fat Loss;
  • Way South Of Wahiba Sands - Travels With Wadiman.
  • Ave Maria - Score.
  • Arsip Blog?
  • E invece poi ha confermato il lavoro Speriamo l'abbia presa Johnny Depp Oltre a voi, altri artisti del mosaico sono stati coinvolti nel progetto In questo modo abbiamo avuto molti ospiti in residenza, soprattutto dal Giappone, ma non solo, curiosi di sperimentare questa tecnica. Anche se tu e Luca siete veramente figli della scuola ravennate.

    Ci vuole passione e tenacia. Per cui direi: lavora, crea! Ma anche: impara almeno l'inglese! E le opere che campeggiano in attesa di essere trasferite sul Canal Grande per la mostra di Zapata non fanno ombra alle creazioni originali degli artisti che in questo caso non sono stati semplici traduttori. Che effetto fa tornare nella provincia dopo aver respirato l'aria del mondo?

    Non ti senti parzialmente in esilio volontario? Forse ne ho fatte troppe. Qui comunque, oltre ad avere la tua famiglia che ha un ruolo centrale nella tua vita, ti sei formata. Una specie di possessione. E mi sento ancora una principiante per questo. Nessuno mi ha insegnato quello che poi ho praticato con ostinazione. Per questa ragione mi sento una che ha avuto una fortuna formidabile. Non ti dico poi la faccia che fatto mia madre quando le ho confessato che volevo fare l'artista Eppure ci sei riuscita.

    Un ruolo particolare, e non so neanche se lui lo sappia, lo ebbe Daniele Panebarco, che mi fece sperimentare tante cose. E mi fece capire che tutte mi piacevano, ma che io volevo altro. Anche lui fu esterrefatto della mia scelta. Andai a Milano. Sentirsi anche soli e insicuri. Non so ancora come feci a convincere la curatrice, forse la presi per sfinimento. Come si coniuga questa diaspora con il vivere a Ravenna? Qui trovo una dimensione che mi permette di coniugare lavoro artistico e vita personale. Non riesco a tenere insieme troppi progetti.

    Mi avevano ad esempio proposto delle docenze, ma non mi sento in grado di insegnare. Rifiutai anche quando me lo chiesero da Los Angeles. Che cosa consiglieresti a chi vuole intraprendere oggi la carriera di artista E ci vuole una sorta di vocazione, di chiamata a una religione laica. Se non si ha quella, meglio dirottarsi su altro. Se mio figlio mi dicesse che vuol fare l'artista non la prenderei bene La fotografia come forma terapeutica e i viaggi fino in Taiwan di Nastynasty di Elettra Stamboulis.

    Come siete approdati alla fotografia? Mi ricordo di Valentina tecnico delle luci Sono ragioniere, e dopo il diploma ho fatto il consulente del lavoro Poi andai in terapia, dove portai la serie di fotografie che mi facevo come forma di individuazione. Quindi la fotografia come forma terapeutica e di ricerca E il nome? Quella lingua che abbiamo scordato. Cosa succede in residenza artistica? Prendiamo ad esempio il libro d'artista, un modo intermedio con cui il formato libro sta tentando la sopravvivenza interagendo con il processo artistico Oppure comprando i progetti editoriali, raffinati ma anche indocili, che ne testimoniano il tragitto.

    L'illustratrice bolognese in mostra a Ravenna di Elettra Stamboulis. Dalle aule seriose del Liceo Classico sono poi planata al disegno, alla musica, alla pittura e al fumetto attraverso molti incontri e diverse esperienze formative. Devo dire che un ruolo particolare ha avuto il workshop con Marjane Satrapi che voi di Mirada avevate organizzato nel Che cosa succede in una settimana da Marina?

    Come organizzi il tuo tempo e il tuo lavoro? Cavalletto, colori e pennelli ho il mio pubblico semifisso che mi aspetta. Clienti inaspettati che comprano un quadro, dialoghi di critici improvvisati sul colore, interventi sul lavoro di commesse e studenti.

    Ti interrompo. Ma come si fa a fare fumetti in bici? Cerco quindi di usare anche io qualche strumento che mi permetta di connettermi a questa meraviglia Magie della Maga Magira, come ama spesso chiamarsi. Hai finito?

    In che senso, ho finito? Intendi se ho finito di scrivere? Ho scritto la parola fine. Ma non so se questo significa finire. Decidere un nuovo inizio. Anche io a volte decido di cominciare un gioco nuovo. Comunque lo decido. Allora, hai deciso di finire? Vedere la pagina bianca mi fa pensare alla fine. Oggi mi dici il contrario. Hai ragione, non mi sono espresso bene. L'inizio e la fine. Solo quando mettiamo un segno, o non lo mettiamo, decidiamo in che parte della cosa vogliamo stare. Lasci qualcuno o qualcosa. Come in questa pagina bianca.

    Oppure stare a parlare con te Anche se a volte mi sembra che preferiresti continuare a guardare la tua pagina bianca Di cosa parla il tuo libro? Ci sono sempre due cose. Parlare e tacere, sapere e ignorare. Voi adulti mi confondete. Sembra che non ci siano mai confini tra le cose. Capisco l'inizio e la fine, ma sapere e ignorare. Sono proprio due cose diverse.

    List of mayors of Siena

    Coesistono due cose diverse. E sono anche un po' la nonna. Difficile rispondere. Io smetto quando mi annoio. Allora sappiamo quando si smette. E quando si decide di iniziare? Io voglio sempre giocare. Quello non smette mai. Inizio quando trovo il modo di farlo. Anche io vorrei sempre iniziare. Anche tu hai il cuore bianco allora? Come nel tuo libro Lo dice Lady Macbeth al marito che ha appena ucciso un uomo. Anche non fare gesti. Tu sei il risultato di scelte o caso, che non sai. Nessuno di noi sa esattamente da dove viene.

    Allora ho deciso. Non ho il cuore bianco, ma lo vorrei con tutti fiorellini. Me lo puoi fare? Esci dall'infanzia. Come il fumetto. Questi tre ingredienti, idealismo, tradizione e sfiducia nella scienza, sono difatti i tre ingredienti che incontriamo in molta della produzione culturale del nostro Paese.

    Le teorie che avevano animato i salotti intellettuali, riempito le librerie dei futuri disoccupati cognitivi, erano diventate l'arma con cui il populismo mediatico si stava preparando da Bush a Berlusconi a Putin, a diventare il nuovo sistema. Il mondo degli anni '80 era finito e non si capiva che cosa e se ci sarebbe stato un nuovo futuro. Il segno di Palumbo, che diventa folgorante e malinconico quando si permette di essere libero dai vincoli della produzione di serie, si addice alla pensosa riflessione del suo approccio alla narrazione delle origini.

    Un approccio che ritroviamo anche nella storia dedicata al sindaco poeta Rocco Scotellaro, in cui il tema delle origini si interseca con la biografia dello stesso Palumbo. Dalla fine consapevole, ma pur sempre drammatica di Salgari alla biografia di un altro personaggio che nella letteratura italiana ha vissuto come un nomade, un oggetto disperso e disamorato: Rocco Lombardi e Simone Lucciola firmano un Campana che riporta, nella sua tensione figurativa data dallo stile delle incisioni di Lombardi, il tratto peculiare della dedizione alla parola che scolpisce l'anima.

    Costantini ha disegnato anche Cena con Gramsci, tratto da un testo teatrale, e quindi interessante adattamento dal palco alla matita. La vita di un uomo e il suo lascito sono al centro di Lo scrittore necessario. Una biografia di Primo Levi dal al di Pietro Scarnera: un titolo programmatico, per raccogliere solo una parte degli anni, quelli da lui non direttamente narrati o meno noti.

    E di nuovo al centro della narrazione la vita di un uomo che ha tracciato un pezzo di storia economica e culturale dell'Italia in piena ripresa industriale, Adriano Olivetti. Questo intrecciarsi dei piani temporali, presente e passato, in un continuo dialogo che mette in scena direttamente il farsi della ricerca storica caratterizza anche il fortunato In Italia sono tutti maschi di Luca De Santis e Sara Colaone.

    Storia di un esule friulana di Caterina Sansone e Alessandro Tota nasce anch'esso da istanze tutto sommato simili: l'esperienza familiare di Sansone, il bisogno di riprendere la matassa delle parole, delle immagini e delle storie singole per ricostruire se possibile una cornice di una storia collettiva rimossa, quella degli esuli istriani.

    Un pezzo di storia con cui, per motivi ideologici e legati al tempo in cui fu, si fa fatica ancora ad armeggiare e che riappare attraverso l'uso di madeleines: la musica nel caso del libro di Colaone, le frittelle e quindi il cibo nel viaggio a ritroso di Sansone.

    Una storia sbagliata di Bepi Vigna e Mattia Surroz si pone invece l'obiettivo di una lettura indipendente dell'episodio che segna la nascita degli anni di piombo. Piazza della Loggia. Scenari di guerra di Leonora Sartori e Andrea Vivaldo ci porta nuovamente nel gorgo putrido dei cosiddetti misteri italiani. Ristampato in occasione del trentennale della strage, il libro segue con delicatezza, ma anche chiarezza le varie ipotesi di indagine.

    Il caso Calvi di Luca Amerio, Luca Baino e Matteo Valdameri rientra nella ridda dei misteri noir che purtroppo infestano le pagine della storia italiana, e non solo dell'ultimo secolo. E si torna invece nel falcidiato sud con Pippo Fava. Lo spirito di un giornale di Luigi Politano e Luca Ferrara. Antonino Caponnetto. Un post realismo che si manifesta in un'Italia che sembrava aver preso una piega irrazionalistica e burlesque, e che credo abbia ancora molto da raccontare e disegnare.

    Lyotard, La condizione postmoderna. Rapporto sul sapere, Milano Becco Giallo The obsessive normality of being special. Wake up! Leave your infancy. If we had to find a lowest common denominator in attempts to represent and recount the History of Italy we could say that it lies in having continual recourse to the category of exceptionality. The exception of having become a nation state considerably late in life and without a shared language, the exception of the south, the exception of the mafias, the exception of bomb outrages, the exception of the Italian Communist Party and other such pleas.

    In considering itself special the normality of Italian historiography and its offshoots takes shape. I mean the forms of historical narration which may be traced back to the desire to narrate History but which employ forms different from scientific research. Such as comics.

    Literature and the arts have often shored up the drift of a historical reality which apparently cannot be handed over to the present: from the verism of Verga and De Roberto to the literature of reality and the neorealism of the cinema there is a thin line that links these expressions. In all, the aphasia, the impossibility of recounting the exceptionality of Italian history, was turned into a trace that vindicated the possibility of taking the floor, of representing Italy without the aid of idealism, tradition, and without suspicion of science and technique.

    There have been however models and choices that have kept their distance therefrom, even if they did so by remaining themselves the exception. The theories that had animated intellectual circles, filled the bookshops of the upcoming cognitive unemployed, had become the weapon with which mediatic populism was preparing itself, from Bush to Berlusconi and Putin, to become the new system.

    And there is no sense in seeing it because reality is an opinion and as such can be expressed on a talk show but cannot be verified. The political and social realisation of the postmodern2 was manifested by what the postmodernists had only thought; and art in its various forms became the interpreter of this vision. The comics of those years also stumbled into cultural and artistic relativism, experiencing in fact a period of redefinition, repetitiveness and retreat that seemed almost to mark their end.

    The world of the 80s was over and nobody knew what the new future would be or if it would arrive. Not that the world of the fine fairytale does not exist: indeed anybody who frequents the big comics trade fairs cannot fail to be dumbfounded by the bursting transvestism of the cosplayers, role game enthusiasts, hordes of young and not so young people fascinated by the pop ideology of the mythologizing of representation.

    And yet. And yet the new does not lie in this phenomenon, easily assimilable to other forms of entertainment that range from Disneyland and its emulators to fake mediaeval festivals. But the element of novelty and reconstruction of the medium came from the birth of the so-named Graphic Novel, which may be recognisable substantially by the change in format from comic to the more traditional book, and in particular for Italy by the proliferation of narrations of stories of reality arising both from classical episodes of national history, especially recent, and narrations of micro-stories singular for the reconstruction of a history of the excluded.

    And the encounters between stories and authors may be surprising. And surprising indeed is the encounter between a Risorgimento hero like Garibaldi, by now high-flown and frozen in marble statues where pigeons flutter and adolescents kiss, and Tuono Pettinato, whose nom de plume Well-combed Thunderclap already certifies his delightful irreverence. And the dramatic Giuseppe Palumbo has also come to grips with the Risorgimento: an artist from whom we might expect the risk of laying hands on the part of History that is most mistreated and least beloved in schoolbooks. An approach we also find in the story dedicated to the poet-mayor Rocco Scotellaro, in which the theme of origins intersects with the biography of Palumbo himself.

    Paolo Bacilieri with Sweet Salgari also moves on the ambiguous borderline between narration of the other and of self: the biography of the great adventure writer, still today one of the five Italian authors most translated worldwide, who wrote of seas and mountains while never leaving his home, is a sort of alter ego for Bacilieri who however does not avoid philological representation of the newborn Italy which a few years later would be soaked in the blood of the First World War.

    Storia di ordinaria guerra civile [Last. It deals with the killing of Leandro Arpinati, a very well known member of a fascist action squad, and his childhood friend Torquato Nanni, socialist and antifascist. Costantini also drew Cena con Gramsci [Dinner with Gramsci], taken from a theatre text and therefore an interesting adaptation from stage to pencil. Una biografia di Primo Levi dal al [The necessary writer. A Biography of Primo Levi from to ]: a programmatic title, bringing together only a portion of the years, the lesser known ones or those not directly narrated by Levi.

    And once again at the centre of the narration, the life of a man who carved out a piece of Italian economic and cultural history at the height of industrial recovery: Adriano Olivetti. Un secolo troppo presto [Adriano Olivetti. A Century Too Soon] by Marco Peroni and Riccardo Cecchetti already in its title somehow reprises the historiographic interpretation of Eric Hobsbawm who sets the historical reality of the twentieth century from to Un incontro [An encounter]. The possibility precisely of setting out from the encounter with history to go over steps and ask for truths, to open avenues in search of answers.

    A collective and at the same time contingent story of the homosexual community interned under fascism, the centre of the narration is silence, dismissal of the memory of detention and authoritarian moralism. Colaone returns to individual stories that become collective with Ciao, ciao bambina [Bye-bye Little Girl], which grew out of the wish to put together her own family history of emigration. It finds its strength precisely by stepping outside biographism and becoming an exemplary tale that speaks of a Country which has become many Countries, quickly forgetting however just how hard it is to leave.

    Storia di un esule friulana [Crepes. A history which precisely due to its being only covertly autobiographical succeeds in telling the many stories of these communities. Circumstantiated by and bound to an event that became the subject of songs, slogans and films, Pinelli e Calabresi. Una storia sbagliata [Pinelli and Calabresi. The two main figures, the anarchist railwayman and the police superintendent, became victims and symbols of a period which has yet to be either ratified or told with historical truth.

    Well, never mind that Italian cinema versions of the years of lead seemed unresolved, and the Pinelli and Calabresi affair in its dichotomy, in its being easy to manipulate from a symbolic viewpoint, was taken on as an icon, but it is also particularly risky. Because the path of justice follows strange and contorted routes, whereas the facts by now are certain.

    Although there are no guilty parties, because all the accused were acquitted on appeal, this does not mean that we do not know who were responsible for the bomb outrage in Brescia. And there are no less than two works on , symmetrical because the lives of the two protagonists ended on the same day with alchemical precision: Peppino Impastato.

    Scenari di Guerra [Ustica. Scenarios of War] by Leonora Sartori and Andrea Vivaldo takes us once more into the putrid maelstrom of so-called Italian mysteries. Reprinted for the thirtieth anniversary of the outrage the book follows with delicacy, but also with clarity, the various investigation hypotheses. Certainly one of the most disarming aspects of Italian abnormality is that though it took place only 35 days afterwards, nobody at the time related the Ustica outrage to that of Bologna.

    Il caso Calvi [The Calvi Case] by Luca Amerio, Luca Baino and Matteo Valdameri comes under the bedlam of noir mysteries that unfortunately infest the pages of Italian history, and not only over the last century. The apparent suicide under Blackfriars Bridge in London had all the features of a genre film, yet reality had once more exceeded fantasy. And we return instead to the massacred south with Pippo Fava. A southern Italy which provides the setting for a considerable number of Graphic Novels produced in recent years and which, unfortunately, does not cease to be the background against which the evils of Italy play out a sort of mortal bullfight.

    The courageous journalist of the paper I siciliani, killed in , aroused the passion of Politano, he himself a journalist who still believes in seeking the truth: at a time when the son Claudio Fava is a candidate for governor of Sicily, it is not out of place to once more recall the father, to open the wounds and the questions on the reasons behind this unbalance, more moral than political. Storia del pool antimafia [A Human Fact.

    History of the Antimafia Pool] by Manfredi Giffone, Fabrizio Longo and Alessandro Parodi take their place in this reconstruction, loving, tenacious and tough, of the story of those who stood up against the inevitability of the mafias. In this sense his satire may coexist with the book-format narratives in the exhibition.

    Apparently out of the running, but nonetheless dense in unresolved aspects, the disturbing end of an Italian cycling myth is the fulcrum of Gli ultimi giorni di Marco Pantani [The Last Days of Marco Pantani] by Marco Rizzo and Lelio Bonaccorso. Based on the investigative book by French journalist Philippe Brunel, it raises doubts, perplexities and unclear points: here we have a mixture of mythology and the social importance of sport in Italy, especially cycling together with soccer of course, and this reminds us of Il ribelle granata on Gigi Meroni7 with the theme common to many of these works, which is to say the inability to know the truth.

    And again we find Marco Rizzo, together with Nico Blunda and Giuseppe Lo Bocchiaro, in the project dedicated to a figure who truly passed through various phases and contexts. They recount a good slice of Italy between the 70s and the late 80s in Mauro Rostagno, prove tecniche per un mondo migliore [Mauro Rostagno, technical rehearsals for a better world: the biography of the eclectic and tireless Rostagno ranges from the founding of Lotta Continua to the creation of Macondo, one of the first autonomously run social centres in Italy, from the Saman community in Sicily to his death at the hands of the mafia.

    And here we are, crossing the threshold of the new millennium which already smells of end: Carlo Giuliani. Il ribelle di Genova [The Rebel of Genoa] by Francesco Barilli and Manuel De Carli marks the end of the relationship of conflict, while still maintaining dialogue, among a multiform movement with many souls like the anti-globalists that met in Genoa for the G8 summit.

    Reading it while also taking into account the verdict on the Diaz School may in effect clarify what took place during those days, over and above the death of a twenty-three year old whose shared biography is set out in this book through the eyes of those who knew him. His sweet appearance will not prevent him from living the distance, filling the emptiness, finding the space that welcomes him in the strange breeze that stirs today in this strange Europe, consoling but certainly not welcoming.

    Pioneering publishers who devote themselves exclusively to the production of reality comics, also infecting the big publishing houses for example Rizzoli Lizard and Mondadori , journalists and researchers who try their hand at scripts, actual investigations that take the form of sequences. A post-realism manifested in an Italy which appears to have taken an irrationalistic and burlesque turn, and which I believe still has much to recount and to draw.


    • christianity and world religions Manual.
    • Menu di navigazione.
    • The Divine Family: Experiential Narratives.
    • Manassas Battlefields Then & Now: Historic Photography at Bull Run.
    • Wheat Free Diet: Lose the belly fat weight loss plan and wheat free recipe cookbook. Ideal diet for wheat, gluten and food allergy sufferers?
    • Anna Frank: I grandi classici a fumetti (Italian Edition).
    • Navigation menu.
    • Rapporto sul sapere, Milan Ferraris, Manifesto del nuovo realismo, Laterza Roma-Bari E ne coglie con grande sintesi elementi di contraddizione, cartografando le pulsioni nascoste. Tutti ingredienti assenti nel paese del generale deposto, e che purtroppo latitano anche alle nostre latitudini. Pare che durante le rivolte del sia riuscito ad evadere di prigione. Successo, affari, politica, amore, gelosia, sangue.

      Giuda indaga il tradimento delle immagini. Lo fa con animo dark, ma ottimista. Giuda si pone come obiettivo implicito il denunciare attraverso la propria esistenza che resiste alla targettizzazione, al prodotto, al merchandising, al mercato, alla distribuzione,e a molte altre cose, la posizione di privilegio che nel tradimento ha il disegno. Un tentativo indagatore sui processi memoriali nella costruzione di sequenze.

      Una cosa ben diversa dalla costruzione della sequenza narrativa tradizionale. La memoria non opera in senso lineare, concatenando in modo logico e comprensibile gli eventi, tra un prima e un dopo. Giuda segue un movimento territoriale, ma anche il movimento centrifugo del processo di appropriazione della memoria. E la visione non ha sempre bisogno della retina, anche se Giuda si impegna nello sviluppo di questa parte del corpo umano. A man has to be born somewhere!

      Metamorphosis often appears as a metaphor that has remained latent for a whole lifetime and is suddenly understood in visual terms1: the metaphoric process that leads to transformation passes decisively from the visual in the context of mythological tradition, precisely in order to render rationally comprehensible something that might otherwise remain relegated to the exclusive sphere of faith.

      In the metaphoric process, which leads to a change that translates this latency into matter, a deep idea of crisis is implicit; the unease perceived in the transformation may be condensed into anguish, pain of loss or, more sentimentally and profitably, into nostalgia. But the mythological argument, and substantially also the artistic one, feeds on transformation and metamorphosis. And the very notion of Europe, from which we draw to define boundaries, transitory and presumed identities, and which constitutes an imaginary embankment against otherness, has its roots in a metamorphic voyage: young Europa abducted by Zeus in the form of a white bull.

      A voyage whose starting point was the coast of modern Lebanon. And it is precisely from this concept of broad gaze that our curatorial voyage set out on this arbitrary mapping of the metamorphic visions of the artists invited. From that Europa who lingered with her handmaidens to play on the shores of Tyre. A light and disenchanted irony, a play of unexplored references and queries which seeks the way to finding names and combinations that are new but feed on a nostalgia without ID card.

      Yet in working with a visual grammar that employs many shared references it is possible that the metamorphic process of artistic creation might lead to assonant solutions. In inhabiting a glance we cannot preclude the space we inhabit, but at the same time the space chosen as ideal geography for this exhibition project has a sea at its centre which, antonomastically, is a place of transit and movement. Because in the act of naming there is also the act of creating, and we are reminded of this by Alban Muja, an artist from Pristina who concentrates his action on this different geography of names, running with the times, encountering places or making their bearings difficult.

      And who are you who calls me? And nostalgia without memory is certainly a trait in many works. Her artistic transformation renders these options visible and recognisable, placing them in a dimension that is immediately comprehensible in the act of looking. Powerful narrative tension emerges clearly in the collective piece TouchStories by Isabella Mara, Camilla Monga, Serena Porrati, Maria Giulia Serantoni, Domenico Stranieri and Ramona Zordini, which grew out of a workshop with Studio Azzurro: a story will save our lives and thus link up with our history.

      Narrators, narratees and public become one. The breadth of the glance and its stubbornness in being intangible are also the subject matter of Clio Casadei, an Italian artist who exhibits the bare result of her irremediably lost artistic actions, and Almudena Lobera who, through drawing in particular, materialises the frustration of this impossible mediation.

      A cartographic vocation that wanted to investigate representations of the mental landscape, for example. A concept which in itself came late in our culture. In both cases the photographic spectre does not record, it imposes its own glance without absolution. The predominant line in this artificial and synthetic geography has been the representation of power, understood as a device which contains fetishes and with which the artist has the possibility of dialoguing precisely by virtue of its transposition into icon, into an already naked image.

      Power has become thing: bread that goes bad and shows putrefaction also marks the temporary nature of power. The hourglass has run out, irony remains in re-chewing words that become objects. If the animal is unpredictable, might not man also be? Is there a prescribed and taken for granted fate, as is actually outlined today in the economic measures undertaken by delegitimized governments, but acting in virtue of this hypothetical predestination of the act?

      Zygouri acts as devastator.